ice

La montagna piace sempre, ma crescono le attività alternative al tradizionale sci. In tutte le stagioni. All’insegna del divertimento e della voglia di sperimentare qualcosa di nuovo

Negli ultimi anni, sciare è diventato sempre più arduo: temperature più elevate, scarse precipitazioni e piste sovraffollate hanno costretto diverse località alpine a cercare di offrire alternative coinvolgenti per attrarre e divertire durante la stagione invernale. A tale proposito, nelle ultime stagioni si è assistito a una crescita esponenziale di diverse attività non strettamente legate agli impianti sciistici, come la pratica dello sci di fondo o lo sviluppo dei centri benessere.
C’è poi chi si offre di intrattenere e divertire, anche restando lontani dalle piste: stiamo parlando della “Ice Driving School” di Livigno, situata poco fuori dal centro cittadino.
Un tracciato intercambiabile di circa un chilometro, con tornanti e saliscendi dove chiunque può provare l’esperienza della guida su ghiaccio. Sono disponibili differenti opzioni che vedono agli antipodi un corso-base di guida sicura per chi vuole prendere confidenza o maggiore fiducia in condizioni critiche, tanto quanto un corso “super sport” riservato a chi ha già esperienza e vuole acquisire maggior padronanza della guida in condizioni estreme con vetture a trazione integrale.
Dopo un rapido ma fondamentale briefing salendo a bordo si avverte subito un senso di “effervescenza”, una scarica di adrenalina che si trasmette dalle mani al volante e dal piede all’acceleratore.
Grazie ai sapienti istruttori e ai loro consigli — più che mai indispensabili — dopo poche curve si ha già una buona padronanza della vettura e si è pronti a “rompere letteralmente il ghiaccio” (la battuta è d’obbligo) in questa che, per quanto insolita, è pur sempre una pratica sportiva.

TopSport – Gennaio 2017
BANNER x sfoglio_1

Lascia un commento